Che cosa è la diverticolosi?
Il colon (grosso intestino) è un lungo tubo che immagazzina e poi elimina il materiale di scarto (le feci) che residua dalla digestione dei cibi nel piccolo intestino. La pressione all’interno del colon può causare il rigonfiamento di sacche di tessuto che protrudono dalla parete del colon e vengono chiamate diverticoli. I diverticoli si possono formare in tutto il colon ma, nei paesi occidentali, sono più frequenti vicino alla parte finale del colon sinistro, chiamato sigma.
La condizione di avere diverticoli nel colon si chiama diverticolosi.
Una persona con una diverticolosi può avere pochi o nessun sintomo.
Quando un diverticolo si rompe e si forma un’infezione attorno al diverticolo la condizione viene chiamata diverticolite.
Mentre la maggior parte dei pazienti con diverticoli hanno pochi o nessun sintomo, qualche persona può sviluppare sanguinamento, rottura e infezione (diverticolite), stipsi o diarrea, dolori addominali e anche ostruzioni intestinali. I diverticoli sono comuni nel mondo occidentale ma sono rari in aree come l’Asia e l’Africa.
I diverticoli aumentano con l’età. Sono poco frequenti prima dei 40 anni, ma si riscontrano in più del 50% delle persone dopo i 60 anni


Che cosa è la diverticolite?
La diverticolite è una condizione in cui il diverticolo si rompe. La rottura comporta un’infezione nei tessuti che circondano il colon.

Quali sono le cause e come si formano I diverticoli?
La parete muscolare del colon si ispessisce con l’età, anche se la causa di questo non è conosciuta. Può riflettere l’aumento di pressione necessario per espellere le feci. Per esempio una dieta povera di fibre può portare a feci piccole e dure, difficili da passare, e che richiedono una spinta maggiore del colon. La mancanza di fibre e le feci piccole possono favorire degli spasmi intestinali e la formazione di segmentazioni intestinali, in questi segmenti la pressione può aumentare e col tempo queste alte pressioni possono spingere la mucosa intestinale attraverso aree di debolezza della parete muscolare a formare delle erniazioni: i diverticoli.
La mancanza di fibre nella dita è considerate la causa più frequente dei diverticoli.

(figura 3)

Quali sono i sintomi della diverticolite?
Molti pazienti hanno pochi o nessun disturbo e la scoperta dei diverticoli può essere incidentale. Solo il 20% dei pazienti con una diverticolosi svilupperanno sintomi legati alla diverticolosi, che sarà chiamata malattia diverticolare. I sintomi più frequenti sono:
· Crampi (dolori) addominali
· Stipsi e diarrea
Questi sintomi sono secondari alla difficoltà a far passare le feci attraverso il colon

Complicazioni più serie sono:
· Diverticoliti (perforazione del diverticolo)
· raccolta di pus nella pelvi (ascesso)
· ostruzione del colon
· infezione della cavità addominale (peritonite)
· sanguinamento dal colon
In rare occasioni il diverticolo si può perforare nella vescica o perforarsi nella cavità addominale comportando una peritonite.
(figura 4)

Come si fa la diagnosi di diverticolite?
Se sospettata, la diagnosi di malattia diverticolare può essere confermata da vari test. Un clisma opaco può permettere di visualizzare il colon. I diverticoli sono visti come tasche ripiene di bario che protrudono dalla parete del colon. (figura 2)
Una visualizzazione diretta con una colonscopia può essere usata per confermare la diagnosi e soprattutto escludere altre patologie del colon. Nei pazienti con sospetto di ascesso una ecografia o una tomografia computerizzata deve essere eseguita.

Qual è il trattamento della diverticolite?
Trattamento medico
Molti pazienti con diverticolosi hanno sintomi minimi o non hanno sintomi e non richiedono nessun trattamento specifico.
Un uso normale di fibre nella dieta è consigliabile per prevenire la stipsi e forse prevenire la formazione dei diverticoli. I pazienti con lieve dolore addominale dovuto a spasmo nell’area dei diverticoli possono beneficiare dall’uso di antispastici.
Quando interviene una diverticolite una terapia antibiotica è di solito necessaria. Antibiotici per via orare sono sufficienti per sintomi lievi. Liquidi ed alimenti con poche fibre sono consigliati durante un attacco acuto di diverticolite. Questo per ridurre la quantità di materiale fecale che deve passare attraverso il colon, e che almeno teoricamente potrebbe aggravare l’infiammazione.
Nelle diverticoliti severe con febbre e dolore addominale i pazienti necessitano di ricovero e di antibiotici per via venosa. La chirurgia è necessaria per i pazienti con problemi di ostruzione intestinale o con ascessi che non rispondono agli antibiotici.

Quando un intervento chirurgico per diverticoliti?
Le diverticoliti che non rispondono al trattamento medico necessitano di un intervento chirurgico .
La chirurgia di solito comporta il drenaggio di ogni raccolta di pus e la resezione (asportazione) del segmento di colon che contiene i diverticoli, di solito il sigma. Nel caso di peritonite e di contaminazione di feci della cavità addominale può essere necessaria una temporanea diversione delle feci (stomia o ano artificiale)
Qualche volta i diverticoli possono perforarsi nella vicina vescica causando infezioni urinarie ricorrenti e severe con passaggio di gas e feci nelle urine. Anche questa situazione richiede una chirurgia.
Qualche volta la chirurgia viene consigliata per pazienti con attacchi di diverticoliti ricorrenti con necessità di ricorrere spesso ad antibiotici, ospedalizzazione e perdita di giornate lavorative, lo scopo è di prevenire complicanze più severe come una peritonite. Ci sono evidenze che dimostrano che il rischio di una peritonite può aumentare dopo 2-3 episodi di diverticoliti acuta. L’obiettivo della chirurgia è di rimuovere tutto, o quasi tutto, il colon che contiene diverticoli, in modo da prevenire future episodi di diverticolite. Ci sono poche conseguenze nel lungo tempo della rimozione del colon sigmoideo per diverticoliti e la chirurgia può essere eseguita laparoscopicamente, con un ridotto dolore postoperatorio e una ripresa più veloce. (figura 6)


Cosa può essere fatto per prevenire la diverticolite?
Una volta che si sono formati i diverticoli sono permanenti. Non è stato trovato nessun trattamento per prevenire in modo certo le complicanze della malattia diverticolare.
Una dieta ad alto contenuto in fibre aumenta la massa fecale e previene la stipsi e teoricamente può aiutare a prevenire ulteriori formazioni di diverticoli o a peggiorare la condizione dei diverticoli. Qualche medico consiglia di evitare noci, mais e semi che potrebbero chiudere gli orifizi dei diverticoli ma non ci sono evidenze in letteratura che supportino queste raccomandazioni.